it

Info Gruppo

Il Castello Invita Gli Ischitani

Il Castello Invita Gli Ischitani

Nel 474 a.c. con il nome di Castrum Gironis

 

 ovvero "castello di Girone", in onore del suo fondatore, ebbe vita"" IL CASTELLO ARAGONESE""nell'isola d'Ischia. Il greco Gerone I detto il tiranno di Siracusa prestò aiuto con la propria flotta ai Cumani nella guerra contro i Tirreni e  essendo stato determinante il suo apporto alla sconfitta degli stessi, i cumani gli  cedettero l'isola . Con il trascorrere dei secoli il castell0 ha subito diverse occupazioni  da parte di: Partenopei,Romani (fondando la colonia di AENARIA).Nei secoli successivi il castello ha subito radicali trasformazioni,divenendo nel tempo un sicuro rifugio per le popolazioni contro i saccheggi di Visigoti,Vandali,Ostrogoti,Arabi,Normanni,Svevi e Angioini.

                                                                                                       

Con l'eruzione del 1302 la città di Geronda fu completamente distrutta e la sua popolazione si rifugiò sul castello dando vita ad una vera e propria città.

 

Fu sotto la dominazione degli aragonesi  che il castello ha assunto l'aspetto odierno. Infatti nel 1441 Alfonso V d'Aragona  lo fortificò ulteriormente creando una struttura simile al maschio angioino di Napoli ed inoltre costruì un ponte di legno che lo collegava all'isola. Fino al XV secolo il castello era raggiungibile solo via mare  dal lato nord tramite una scala ricavata intagliando la roccia di trachite di cui è formato. Il maggiore splendore della vita sul castello si raggiunse con il soggiorno della poetessa Vittoria Colonna.

 Infatti,  dal 1501 al 1536,   coincise con un momento culturalmente assai felice per l'intera isola. La poetessa si circondò dei migliori artisti e letterati del secolo, tra cui: Michelangelo BuonarrotiLudovico AriostoJacopo SannazaroGiovanni PontanoBernardo TassoAnnibale Caro l'Aretino e molti altri.

Con il cessare del pericolo dei pirati,la vita sul castello inizia a spegnersi lentamente spostandosi sulla intera isola. Il castello fu completamente  abbandonato. Solo con l'avvento dello sviluppo turistico dell'isola ed una lunga disputa giuridica per l'attribuzione della proprietà, tra lo stato ed una nobile famiglia ischitana il castello ha iniziato a rivivere in chiave moderna.

 

 

 

 

 

Grazie agli attuali proprietari, che il castello è divenuto il simbolo della nostra comunità. Un'isola nell'isola con venticinque secoli di storia in una'affascinante passeggiata tra: chiese,conventi,prigioni,giardini e belvedere sospesi tra il cielo e il mare in un'atmosfera  fuori dal tempo. Nel momento in cui L'Istituto Europeo del Restauro del patrimonio artistico non solo isolano, sceglie  come sede il castello aragonese, possiamo dire che ne diventa il grande anello che congiunge 25 secoli di storia passata al futuro della intera isola. Grazie agli attuali proprietari del castello che nei giorni scorsi hanno invitato l'intera popolazione a rivivere la storia e le emozioni ma sopratutto a riannodare le nostre radici di isolani con 25 secoli di storia dei nostri padri.

 

 

VISITA ANCHE TU IL CASTELLO

Condividi:
CittaWeb
CittaWeb
Attività: Apr 20
Giovanna
Giovanna
Attività: Apr 20
stefano
stefano
Attività: Apr 20
ReteRomaRadioTvCinemaShow
ReteRomaRadioTvCinemaShow
Attività: Set 28 '16
Pasquale
Pasquale
Attività: Mag 25 '16